App Immuni: un fallimento senza precedenti

App Immuni: un fallimento senza precedenti, scaricata da pochissime persone e, spesso, non utilizzata nonostante la propaganda dell’attuale Governo.

App Immuni: nonostante l’appello degli esponenti del Governo l’app di contact tracing è un clamoroso fallimento, infatti, sono poche le persone che hanno scaricato IMMUNI, ancora di meno quelle che la utilizzano.

Molti utenti hanno provato a segnalare tramite le strutture del servizio sanitario nazionale la loro positività per far aggiornare il sistema ma non hanno mai ricevuto risposta, le ASL non sanno proprio cosa fare: infatti, il back-office non è assolutamente organizzato in maniera organica.

Il fallimento è sotto gli occhi di tutti, se pensiamo che, sino ad oggi sono stati registrati appena 499 positivi e tramite il tracciamento dei contatti sono stati scoperti solamente 13 nuovi contagiati. Inoltre l’App in questione non garantisce la privacy e il trattamento dei dati personali, tanto che, nemmeno gli stessi esponenti dell’attuale maggioranza  la scaricano.

Prendiamo, ad esempio, dati di altri paesi: in Germania, la “Corona Warm App” è stata scaricata da circa il 22% della popolazione e il tracciamento risulta rapido con un’ottimo back-office. Nel Regno unito la “NHS Covid 19” è stata scaricata già oltre 15 milioni di volte, nonostante diversi problemi di gestione e falsi positivi. Fanalini di coda, come al solito, sia per back-office che per problemi sulla Privacy, Italia e Spagna dove le percentuali di scarico di questo software raggiungono a malapena il 12%.

FONTE: Quotidiano

Filippo Cesare Vernazza

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *