Ennesimo DPCM da parte di Conte, Lombardia in zona rossa e la Campania, con dati ben peggiore, in zona gialla: attacco ai Governatori di centro-destra?

Ennesimo DPCM da parte di Conte, Lombardia in zona rossa e la Campagna, con dati ben peggiore, in zona gialla: attacco ai Governatori di centro-destra?

Ennesimo Dpcm firmato da Giuseppe Conte, la Lombardia relegata in “zona rossa” nonostante l’incidenza sia migliore rispetto alla Campania posizionata in “zona gialla”. Occorrerebbe che i criteri stabiliti dal ministero della Salute per le varie zone siano resi pubblici, a chiederlo è Bassetti durante un intervento su AdnKronos Salute. “Se si è scelta la strada di valutare l’Rt delle singole regioni allora se oggi sei in zona rossa, puoi cambiare colore appena scende l’Rt? si domanda ancora l’esperto, che fa parte della task force Covid-19 della regione Liguria. “Qualcuno ci spieghi” conclude l’esperto.

Sono ore di tensione, dunque, per le regioni interessate da questo ennesimo Dpcm, che chiude di fatto, anche se non in modo esplicito, alcune zone dello Stivale. “Comunicare ai lombardi e alla Lombardia, all’ora di cena, che la nostra regione è relegata in fascia rossa senza una motivazione valida e credibile non solo è grave ,ma inaccettabile”, ha affondato il governatore Attilio Fontana, come riportato da MilanoToday. “A rendere ancora più incomprensibile questa decisione del Governo sono i dati attraverso i quali viene adottata: informazioni vecchie di dieci giorni fa che non tengono conto dell’attuale situazione pandemica”, ha proseguito il presidente. Uno schiaffo in faccia alla Lombardia e a tutti i lombardi. Un modo di comportarsi che la gente non merita.

Non solo la Lombardia spara a zero sull’esecutivo giallorosso: gli affondi arrivano anche dalle altre “regioni rosse”. La Calabria, infatti, è pronta ad impugnare la nuova ordinanza: ha dichiarato il presidente facente funzioni Nino Spirli, il quale ha spiegato a “Il Messaggero” che i ripetuti contatti avuti con membri dell’esecutivo e con Arcuri non hanno prodotto alcun risultato.

Il fatto che la Campania, a parità di condizioni, sia finita in fascia gialla, anche se non esplicitamente citato, resta sullo sfondo delle dichiarazioni del governatore del Piemonte Alberto Cirio. “Vi confesso che non ho dormito, ho passato le ore a rileggere i dati, regione per regione, e cercare di capire come e perché il Governo abbia deciso di utilizzare misure così diverse per situazioni molto simili”.

Non ci sarà dietro tutto questo un giochino politico volto a penalizzare le regioni governate dal centro-destra? Io non voglio crederci anche perché, l’attuale maggioranza rischierebbe di fare “harakiri”, considerando che Lombardia e Piemonte sono la locomotiva economica di questo paese, già sull’orlo del baratro economico. Con queste misure, si rischia la guerra civile considerando gli “aiuti statali” inesistenti e fumosi oltre al sempre maggior numero di disoccupati e poveri presenti nel paese.

Filippo Cesare Vernazza 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *