Matteo Renzi da il via alla coalizione per il Ponte sullo Stretto

Matteo Renzi da il via alla coalizione per il Ponte sullo Stretto e le grandi opere, finalmente si riparte!

Matteo Renzi si muove, non parole, ma soprattutto fatti. Dopo aver messo il Ponte sullo Stretto tra i motivi imprescindibili per cui far cadere l’inoperoso governo Conte, Italia viva ha trovato in Parlamento gli alleati per portare avanti la proposta: Lega e Forza Italia. E’ nato infatti in queste ore l’intergruppo parlamentare dal nome “Ponte sullo Stretto. Rilancio e sviluppo italiano che parte dal Sud”.

Contro l’iniziativa degli alleati di governo, sono intervenuti però i senatori pentastellati in commissione Lavori pubblici: “Un’insistenza miope”, scrivono, “che sa davvero di amarcord anni ottanta“.

Tra i promotori dell’iniziativa parlamentare, accanto al rottamatore, ci sono esponenti delCarroccio e Forza Italia. “Un’alleanza finalizzata allo sviluppo infrastrutturale italiano partendo dal Meridione che, capovolgendo il paradigma, è inteso come espressione di potenzialità socio-economiche”, si legge nella nota di presentazione. “Coinvolgendo diversi protagonisti della scena politica, caratterizzati da percorsi differenti ma animati daun’ambizione condivisa“. Questi i primi firmatari della proposta, per Italia Viva: Vono, Faraone, Magorno, Scoma, Sudano, Ungaro; per Forza Italia: Barboni, Barachini, Bartolozzi, Berardi, Caligiuri, Cannizzaro, Cesaro, D’Attis, Gallone, Giammanco, Mallegni, Mazzetti, Occhiuto, Papatheu, Paroli, Perosino, Prestigiacomo, Rizzotti, Russo, Schifani, Siclari, Siracusano, Sozzani; infine per la Lega: Furgiuele, Pagano, Pepe, Rixi, Rufa. “Nello spirito unitario che contraddistingue il governo Draghi“, scrivono i parlamentari, “come Italia Viva, Forza Italia e Lega abbiamo deciso di condividere questa attività per dare un sostegno concreto alla ripresa dell’economia in un periodo in cui le idee devono riacquistare valore al di là di ideologie per il buon governo dell’Italia”.

Filippo Cesare Vernazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *